Nozze Gay. Fi ormai è disconnessa

blog14

 

“Le dichiarazioni sulle trascrizioni delle nozze gay di Giovanni Toti sono la conferma che Fi è disconnessa, in un grave stato confusionale. Una vera e propria crisi di identità evidenziata dall’assenza totale di una linea politica. Dove un giorno si dice una cosa e il giorno dopo viene smentita. Siamo in presenza di una pericolosa deriva come dimostrano i sondaggi sempre più calanti. Noi ce ne accorgemmo un anno fa, prima che il Paese ne venisse travolto. Viene da chiedersi come ancora oggi ci sia qualcuno che possa pensare che una Fi ridotta in queste condizioni possa rappresentare i moderati italiani ed avere addirittura speranze di vittoria. Noi, invece, andiamo per la nostra strada, nel creare quell’alternativa politica capace di costituire la base su cui rifondare la nuova alleanza di centrodestra”. Lo ha dichiarato il sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico, senatrice del Nuovo Centrodestra Simona Vicari.

Mise. Emanata circolare su marchio Ce per Occhiali da sole. Maggiore tutela per consumatori e produttori

“Il Ministero dello Sviluppo economico, attraverso una circolare della Direzione per il mercato, la concorrenza , il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica, ha individuato una soluzione riguardo la difficoltà riscontrata su alcune montature di occhiali (quelle particolarmente curve, di materiali speciali o di dimensione inferiore ai 5 mm) di riportare correttamente la marcatura CE, così come previsto dalla direttiva europea”. Lo annuncia il sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico, senatrice Simona Vicari.
“La soluzione – spiega l’esponente di governo – è stata quella di prevedere che la marcatura sugli occhiali possa essere apposta sull’imballaggio e sui documenti di accompagnamento, qualora questa sia impossibile o di difficile realizzazione. Inoltre nei casi in cui tale marcatura sia comunque riportata sugli occhiali da sole nonostante tali difficoltà, potranno essere ragionevolmente tollerate minime incongruenze della marcaturarispetto al modello previsto, fermo restando il rispetto di massima del modello e delle proporzionicosì come stabiliti dal regolamento 765/2008 (CE)”.
“Questa circolare rappresenta il frutto di un confronto avviato al Ministero con i produttori di occhiali e materiali ottici che ha consentito di giungere ad una soluzione che consentirà allo stesso tempo di venire incontro alle esigenze dei produttori, che avranno comunque la garanzia di poter apporre un bollino che certificherà le loro produzioni tutelandoli dalle falsificazioni, e degli stessi consumatori che in questo modo avranno la certezza di poter comprare un prodotto sicuro e di qualità”, conclude il sottosegretario Vicari.

Sblocca Italia. Per Sicilia importanti e strategici interventi. Da opposizioni polemiche senza fondamento

“Gli interventi previsti dal decreto Sblocca Italia in favore della Sicilia sono importanti e soprattutto strategici. Sono stati stanziati 5 miliardi di euro, di cui la metà subito disponibili, per l’asse ferroviario Palermo-Catania-Messina, per il completamento dell’Agrigento-Caltanisette, della rete della Circumetnea e del tratto della metropolitana di Palermo Stazione-Piazza della Libertà. Questi sono i numeri, il resto e soprattutto le polemiche senza fondamento le lasciamo a chi come Michele Cimino probabilmente non ha letto con attenzione il decreto o ha informazioni sbagliate. Infatti sarebbe ora che le opposizioni si mettessero d’accordo visto che qualcuno in passato ha ribattezzato questo decreto Sblocca Sicilia. Non si tenti perciò di distogliere l’attenzione dalle inefficienze del governo regionale imbastendo sterili polemiche”. Lo ha detto il sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico, senatrice Simona Vicari.

Sblocca Italia. Nuova governance idrocarburi per sbloccare 15 mld di investimenti

“Il governo attraverso il decreto Sblocca Italia ha delineato un sistema di governance moderno, adeguato alle esigenze di una industria dinamica come quella petrolifera e allineato a quello dei Paesi del Nord Europa. L’obiettivo è stato di garantire alle aziende un quadro normativo più chiaro e semplice, ma senza che questo messa in discussione la sicurezza e la tutela dell’ambiente”. Lo ha detto il sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico, senatrice Simona Vicari, intervenendo al Workshop sulla sicurezza offshore in corso a Siracusa ed organizzato dalla Commissione europea e dal Ministero dello Sviluppo economico Direzione generale per le risorse minerarie ed energetiche.
“All’Esecutivo va dato atto di aver introdotto il titolo concessorio unico, sul modello adottato dai vari paesi europei, – ha continuato il sottosegretario – che punta ad ottimizzare l’iter amministrativo, superando i ritardi e le duplicazioni di passaggi autorizzatori che attualmente di fatto bloccano importanti investimenti privati per circa 15 mld euro, con rilevanti ricadute occupazionali , circa 25.000 posti di lavoro, favorendo, così, il raggiungimento degli obiettivi SEN, garantendo nel contempo i più alti livelli di tutela ambientale”. In particolare l’esponente di governo ha, inoltre, evidenziato come sia stata prevista “la destinazione ai territori in cui si svolgono le attività petrolifere e a quelli costieri prospicienti le attività offshore di una parte rilevante delle royalties provenienti dalle attivita’ petrolifere a mare”. Ed, inoltre, l’obbligo della presentazione di garanzie fideiussorie ed assicurative a garanzia dei ripristini ambientali e a copertura di eventuali danni derivanti dalle attività in mare”. E sul piano della sicurezza ha ricordato anche che “all’interno del testo della direttiva offshore, su proposta della delegazione italiana, è stato previsto un sistema inalterabile e protetto di registrazione dei parametri di perforazione, denominato scatola nera. Tale tecnologia potra’ incrementare ulteriormente il livello di sicurezza delle operazioni, contribuendo ad innalzare gli attuali standard”.
Infine, riguardo la specifica situazione della Sicilia il sottosegretario Vicari ha ricordato che “nel decreto abbiamo accolto un emendamento che fa salve le competenze delle Regioni a Statuto speciale, lasciando alle singole Istituzioni locali di decidere nel merito”.

Agli elettori di destra e centrodestra

simona1

 

Il panorama politico nelLe ultime settimane ci ha regalato piuttosto che spunti, suggerimenti o idee su come migliorare il sistema Italia, inutili e sterili polemiche.
Spiace dirlo, ma la destra italiana o quel che ne resta, ne è stata suo malgrado protagonista. Per questo, le righe che vi sottopongo, sono rivolte principalmente a quei 10 milioni di elettori di destra o centrodestra che o non sono andati a votare o lo hanno fatto per Forza Italia.
Con il provvedimento che ieri e’ stato esitato dal Governo di cui NCD fa parte a pieno titolo, si sono varate forme di contenimento di spesa e di riduzione delle tasse che, consentitemi, neanche alcuni governi dichiaratamente di centrodestra sono riusciti a varare. PENSO ALLO SCONTO SULL’IRAP, O ALLA DEFISCALIZZAZIONE PER I NEO ASSUNTI PER I QUALI LE AZIENDE NON PAGHERANNO I CONTRIBUTI, PENSO AL REGIME FORFETTARIO CUI POTRANNO ACCEDERE LE PARTITE IVA CHE FATTURINO FINO A 15000€, OPPURE AI 500mln di € DEL FONDO FAMIGLIE O ALLA CONFERMA DEL BONUS DI 80€ PER LE FAMIGLIE CHE NON ARRIVINO A  26000€/anno. E poi, come sottacere gli interventi sulle Regioni? Le quali piuttosto che protestare per i provvedimenti adottati, farebbero bene a prendere esempio dal Governo nazionale ed ad attuare una spending review seria e reale. NCD ancora una volta si conferma l’unico partito in grado di far adottare politiche economiche di centro destra. Come se ciò non bastasse, abbiamo assistito, ancora una volta, a continui attacchi alla famiglia tradizionale su cui si fonda l’esistenza stessa della nostra società. Ci hanno pensato questa volta i vertici di Forza Italia a mettere (o a tentare di farlo) in discussione la struttura portante della famiglia. Continua a leggere…