Norcia: il Governo riparte da artigiani ed eccellenze

“È da realtà piccole come Norcia che l’Italia ha saputo stupire il mondo con la qualità e l’unicità dei suoi prodotti ed è da questi poli d’eccellenza che il Governo vuole ripartire per ridare slancio al nostro export” è quanto ha dichiarato il Sottosegretario allo Sviluppo Economico Simona Vicari inaugurando alla presenza del Presidente della Giunta Regionale Umbra Catiuscia Marini e delle più alte cariche civili e militari la mostra del mercato del Tartufo nero “Nero Norcia”. “Gli sforzi dei produttori del territorio vanno accompagnati da misure concrete che possano realmente permettere alle aziende di rilanciarsi in termini di competitività. Il Governo e il Ministero dello Sviluppo Economico, in questi ultimi mesi, hanno messo a disposizione tutele e stanziamenti ingenti per il Made in Italy, per i brevetti e per i marchi, per i macchinari produttivi e per l’internazionalizzazione delle nostre aziende. La particolare attenzione del Governo verso i mercati esteri ci ha portato a prevedere nello Sblocca Italia un piano specifico proprio per l’internazionalizzazione nel quale abbiamo previsto la figura del temporary export manager che affiancherà le aziende nella ricerca di opportunità nel mercato estero. Il Sottosegretario Vicari incontrando poi gli artigiani ha infine dichiarato: “I dati che ieri ci ha fornito l’Istat rivelano che siamo sulla strada giusta e diffondono ottimismo sul futuro delle imprese italiane e di tutta la nostra economia” ha concluso l’esponente di Governo.

Salvini scelga con chi stare….

“Salvini scelga se dialogare col centrodestra moderato oppure con gli estremisti” così ha dichiarato oggi alla stampa il Sottosegretario allo Sviluppo economico Ncd Simona Vicari. “Non si può essere forza di governo in importanti regioni del nord d’Italia e poi scendere in piazza con Casapound e creare sinergie con gli xenofobi della Le Pen. Dalla Lega ormai arrivano solo proclami populistici privi di reale concretezza. Ricordo la Lega quando un tempo conduceva battaglie condivisibili sul federalismo fiscale e sul potenziamento degli enti locali. Oggi invece la loro proposta politica si limita esclusivamente alle accuse ad Alfano e al Nuovo Centrodestra dimenticando che nel Veneto, una regione citata come modello da Salvini e dal suo partito, il Vicepresidente della giunta è un esponente dell’Ncd”, conclude il sottosegretario Vicari.

Metanizzazione Sud: Stanziati 140 milioni

Roma, 24 FEB – In occasione dell’ illustrazione delle linee guida della delibera Cipe sulla metanizzazione del meridione, il Sottosegretario allo Sviluppo Economico Simona Vicari ha ricevuto il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro raggiungendo un’ intesa per il reperimento di 50 milioni di euro nell’ ambito dei Fondi di Sviluppo e Coesione (FSC) e dei Fondi comunitari POR-Campania per investimenti infrastrutturali a servizio dei comuni destinatari degli stanziamenti. Lo comunica una nota, che aggiunge: Il sottosegretario ha poi incontrato insieme al Presidente Caldoro la delegazione dei sindaci dei comuni interessati e illustrato il programma operativo della delibera Cipe che assegna 20 milioni di euro annui fino al 2020 per un totale di 140 milioni di euro per la metanizzazione. Il Sottosegretario Simona Vicari ha dichiarato: “Il Mezzogiorno non ha piu’ ricevuto fondi dal 2004. Questo accordo rappresenta un grande traguardo in modo particolare per il Cilento il quale, grazie alle somme stanziate e al cofinanziamento regionale, vede finalmente una soluzione al problema della metanizzazione”, conclude la nota.

Un anno di Governo

imageCari amici,

è passato un anno dalla nascita di questo governo e c’è voluto un anno per dimostrare quanto la nostra presenza sia in grado di realizzare la ambizioni, le aspirazioni dei moderati italiani.

Possiamo fare un lungo elenco di risultati raggiunti e scritti con la mano destra:
sblocco dei tetti stipendiali e salariali per le nostre donne e uomini in divisa;
utilizzo della quota del ministero dell’Interno dei beni sequestrati alla mafia per dare più risorse a chi combatte la criminalità organizzata; una legge contro la violenza di genere che ha fatto calare non solo il numero dei femminicidi, ma ha consentito anche l’allontanamento coatto dal domicilio di casa dei mariti violenti;
una legge contro la violenza negli stadi che ha fatto diminuire il numero dei feriti tra civili e Forze dell’Ordine e il numero di incidenti.
Continua a leggere…