Raffineria di Gela Dopo l’esortazione di Simona Vicari Lombardo chiede lo stato di crisi

A stretto giro di posta dall’esortazione della senatrice Simona Vicari (QE 19/4), il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, ha chiesto la dichiarazione dello stato di crisi per la raffineria di Gela al fine di per poter utilizzare strumenti solidi, efficaci ed urgenti per fronteggiare la grave vertenza e rilanciare la ripresa produttiva dell’impianto.

“Se la crisi del settore della raffinazione – dice Lombardo – colpisce indistintamente tutti i gruppi in Europa, certamente in Sicilia si abbatte su un tessuto economico e sociale che necessita di azioni aggiuntive da parte del governo Monti, anche in considerazione della situazione di tutto l’indotto che dipende dal petrolchimico”.

Il presidente della Regione ha inoltre istituito un’unità di crisi presso la Presidenza che oltre agli assessori all’Energia Giosuè Marino, alle Attività produttive Marco Venturi e all’Economia Gaetano Armao coinvolgerà le forze sociali e seguirà costantemente l’evolversi della vicenda.

Fonte: Quotidiano Energia

Rispondi