ENI, SICILIA STRATEGICA. ACCORDO CONTRIBUTO A OCCUPAZIONE E RILANCIO AREA

20140717-194737-71257046.jpg

“L’esito positivo della vertenza su Eni Gela, che ha evitato la chiusura di un sito importante che avrebbe avuto gravi ricadute occupazionali sul territorio, apre ora scenari significativi che potranno contribuire al rilancio dell’area. A questo risultato si è giunti grazie all’impegno ed al ruolo di mediazione del Ministero dello Sviluppo economico ed in particolare del ministro Guidi, che è riuscita ad ottenere un accordo tra Azienda e rappresentanze sindacali anche quando ormai sembrava tutto perduto. La raffineria di Gela deve continuare a vivere, e deve evolvere sia nella direzione della raffinazione verde, sia in quella altrettanto importante di terminale di raccolta, trattamento e raffinazione delle importanti produzioni di idrocarburi locali, da tempo presenti sul territorio siciliano e con un grande potenziale di sviluppo. Uno sviluppo che risponde alle esigenze di produzione nazionale indicate dalla Strategia Energetica Nazionale, ma che prima di tutto deve  garantire lo sviluppo della Sicilia e l’occupazione ai siciliani. E’ un segnale importante che mandiamo al Paese ed alla Sicilia intera, in un momento in cui i dati economici continuano a restituirci un’immagine di un’Italia in difficoltà. Questo governo sta facendo tanto per rilanciare la nostra economia, chiedendo maggiore flessibilità all’Ue e predisponendo un programma coraggioso di riforme. A questo processo di crescita il Nuovo Centrodestra sta dando un contributo decisivo, sia in termini di sostegno alla maggioranza, come dimostra il dibattito di questi giorni in Senato sulle riforme, e sia riguardo i contenuti dalla riforma del lavoro, a quella della giustizia e del fisco. L’accordo di oggi quindi è significativo della volontà e dell’impegno che questo governo ha preso con gli italiani, le famiglie e le imprese per far tornare a crescere la nostra economia”. Lo dice il sottosegretario allo Sviluppo economico, senatrice del Nuovo Centrodestra, Simona Vicari.

 

TELESPAZIO. INCONTRO AL MISE CON REGIONE SICILIA. RINVENUTE RISORSE PER RILANCIARE SCANZANO

Si è tenuto oggi al Ministero dello Sviluppo economico un incontro preliminare, prodromo alla prossima convocazione del tavolo di crisi, sul futuro del sito di Telespazio a Scanzano. All’incontro erano presenti il governo, l’Azienda, i vertici di Finmeccanica e gli assessori regionali delle Attività produttive Linda Vancheri e della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro Giuseppe Bruno. Per l’Esecutivo presente il sottosegretario, senatrice Simona Vicari.

L’incontro è servito a fare il punto della situazione sul rilancio del Sito e per comunicare l’avvenuto reperimento delle risorse necessarie a realizzare i servizi e le attività da svolgere nel sito di Scanzano, così come indicato dalla stessa giunta regionale. Inoltre, nel corso dell’incontro, le parti hanno ribadito l’auspicio di individuare le modalità tecniche necessarie a rinnovare l’attività industriale.

LOGONCD425

Bene cosi!!

Le urne ci consegnano un risultato molto positivo. Abbiamo certificato una base di partenza cui tutto il centrodestra può far riferimento.
Lasciatemi sottolineare il risultato della Sicilia che sfiora il 10%. Qualsiasi operazione il centrodestra voglia mettere in campo deve costruirla con noi. I nostri candidati ce l’hanno messa tutta, si sono scontrati con difficoltà legate al territorio, ma i più bravi le hanno superate. Andiamo avanti cosi, insieme per la Sicilia e per l’Italia.

Accordo Invitalia – Vodafone è per rilancio della Sicilia

La firma quest’oggi al Ministero dello Sviluppo economico del contratto di sviluppo tra Invitalia e Vodafone, che porterà ad un ammodernamento ed espansione della rete delle tlc in Sicilia per un valore di 50 milioni di euro, è la migliore risposta per il rilancio dell’Isola. Siamo di fronte ad un investimento di prospettiva che punta a ridurre il digital divide, di cui purtroppo soffre la nostre Regione, ed a creare le condizioni per mettere in campo misure di semplificazione amministrativa.

Continua a leggere…